Avvocato separazione

Cristiano Felisio Avvocato Rotale

Cristiano Felisio Avvocato

CRISI DI COPPIA:
QUALI ERRORI DA EVITARE PRIMA DELLA SEPARAZIONE?

 

Ce ne parla l’avv. Cristiano Felisio, da oltre vent’anni attento ai continui cambiamenti del diritto di famiglia.

Allora avvocato, quando si manifesta una crisi all’interno della coppia – molto prima che si arrivi alla separazione – ci sono errori da evitare nell’affrontarla?

C’è un errore, su tutti, dal quale derivano poi tutti gli altri. Ed è il pensare di non avere bisogno di aiuto, di poter affrontare e gestire la crisi da soli. Una sorta di “delirio di onnipotenza” declinato, purtroppo, al plurale.

A che genere di aiuto si riferisce?
Mi riferisco, anzitutto, al consiglio di un valido terapeuta di coppia.
Non è detto, anzitutto, che la crisi debba per forza sfociare in una separazione. E’ possibile che il dialogo sia venuto a mancare ma possa, in qualche modo, riprendere con modalità differenti. E questo difficilmente può avvenire se la coppia non capisce di averne un bisogno vitale. In caso contrario la separazione diventa inevitabile, anzi è già una realtà nei fatti.

Ma non è detto che tutte le crisi di coppia si possano ricucire…
Certo che no. Questo tipo di terapia può evitare la separazione oppure no, ma non è mai inutile.

E qual è, quindi, il passo successivo?
Se la crisi non può essere ricomposta, allora va gestita in modo lucido, informato, organizzato. Chi attraversa questi momenti lo fa con animo alterato, spesso senza comprendere appieno che cosa sta succedendo perché tutto avviene con troppa velocità. Le decisioni che ognuno prende al momento della separazione sono destinate a produrre i loro effetti molto a lungo e nessuno può permettersi di farlo senza piena consapevolezza.
Se ci riflette, ogni coppia dedica mesi a preparare il matrimonio o la convivenza ma vale il contrario per la separazione: molte di queste coppie – sposate o conviventi – si trovano a decidere il loro futuro di coppia separata nel giro di poche settimane se non addirittura di giorni! Eppure può accadere che vivano più tempo da separati che non da sposati o conviventi!

In effetti, visto così sembra strano…
E lo è davvero. Nessuno può permettersi una cattiva separazione, ma l’emotività del momento impedisce di comprendere le conseguenze della fretta e della disinformazione. O di un rapporto di forza sbilanciato all’interno della coppia che porta uno dei due ad accettare condizioni di separazione non eque ma pretese dall’altro.

Quindi ci sta parlando di un altro errore da evitare?
No, è lo stesso errore di prima. Non rivolgersi per tempo ad un terapeuta di coppia ti priva, spesso, dell’ultima chanche di ridare vitalità al rapporto.
Allo stesso modo, non rivolgersi ad un avvocato che conosca la materia della separazione ti priva delle informazioni necessarie – e, non di rado, della lucidità che solo uno sguardo non coinvolto emotivamente può avere – per organizzare opportunamente il futuro.
Sto parlando, ovviamente, di uno specialista della materia, e Le posso assicurare che oggi in Italia non sono così pochi.
Spesso, non dimentichiamolo, con la separazione la coppia non perde il legame perché la presenza dei figli non può consentirlo. Si deve continuare ad interfacciarsi – per tutta la vita – non più come coniugi o compagni ma come genitori. In questi casi la separazione non porta un taglio netto e definitivo ma segna soltanto il passaggio ad una nuova organizzazione dei rapporti, destinata a durare molto a lungo.
Lei partirebbe per un viaggio all’estero di qualche anno senza prima organizzarsi, cercare informazioni, sapere che cosa sarà indispensabile portare con sé e che cosa sarà, invece, inutile zavorra?

No, certamente. Allora nel momento della separazione mi servirebbe un avvocato, la mia bussola per orientarmi?
Ecco, proprio qui volevo arrivare. Affrontare una separazione senza un avvocato che conosca il diritto di famiglia è come trovarsi nel deserto – o in una foresta, se Le piace di più – senza bussola.
Mi dica la verità, Lei lo farebbe?

CONTATTA LO STUDIO LEGALE